Convivere in armonia

La biblioteca di San Martino

Il centro lese.werk.statt è un luogo d’incontro sotto molti aspetti. Questo nuovo edificio, caratterizzato dalla costruzione in calcestruzzo, ospita non solo una biblioteca frequentata da persone di tutte le età, ma anche un laboratorio per disabili. Le differenti necessità trovano riscontro nell’armonia dell’architettura. Il partner di soluzioni illuminotecniche Wolfram Hofer ha studiato un’illuminazione perfettamente intonata al tipo di allestimento. 

Wolfram Hofer, Elektro Johann Hofer di Wolfram Hofer, S. Leonardo in Passiria | IT

 

 

“L’apparecchio ONDARIA è uno
strumento d’illuminazione strepitoso
per gli spazi pubblici.”

Nelle sale della biblioteca si combinano apparecchi rotondi ONDARIA e sottili linee luminose SLOTLIGHT, formando un insieme equilibrato che valorizza l’architettura, illumina bene gli scaffali di libri e crea al contempo un’atmosfera accogliente. ONDARIA si ritrova anche nella sala pausa del laboratorio, che diventa più intima grazie al montaggio a sospensione. Le adiacenti sale di lavoro sono illuminate da file continue TECTON, che garantiscono una luce ideale a sostegno delle attività manuali. Per i locali di servizio, come guardaroba e toilette, sono stati scelti i downlight PANOS infinity. Troviamo infine ECOOS in ufficio e PERLUCE nelle cantine, due apparecchi che soddisfano in pieno le esigenze dei rispettivi ambienti.

Signor Hofer, qual è la concezione alla base dell’impianto scelto per il centro lese.werk.statt di San Martino?

Wolfram Hofer: Lo scopo era quello di unire l’architettura e la luce in un insieme attraente. Per questo erano fondamentali aspetti come il design degli apparecchi e la loro capacità di arredare. Altrettanto importante era una progettazione dettagliata. La disposizione irregolare degli apparecchi

ONDARIA incassati nella sala di lettura, per esempio, ha richiesto molto lavoro preliminare. Questo perché i corpi illuminanti non dovevano interferire, bensì dialogare con l’elaborato disegno del soffitto. ONDARIA è uno strumento d’illuminazione strepitoso per gli spazi pubblici. Armonizza con ambienti di natura diversa, come il calcestruzzo o il legno, e offre varianti e misure differenti, che lasciano molta libertà compositiva. Dato che abbiamo scelto ovunque la versione opale, l’effetto ottico rimane unitario. Lo stesso ragionamento vale per la temperatura di colore di 4000 kelvin, uguale in tutti i locali.

Il centro lese.werk.statt si suddivide in una biblioteca e in un laboratorio per persone con disabilità. In che modo è diversificata l’illuminazione?

Wolfram Hofer: Nel caso del laboratorio, la necessità era quella di illuminare anche un ambiente di lavoro. Qui, per esempio, si costruiscono e si confezionano svariati oggetti.
Le file continue TECTON assicurano le condizioni visive migliori.
Nella biblioteca, invece, ciò che conta è l’atmosfera.

Occorre che si sentano a proprio agio tanto i bambini quanto gli anziani. La biblioteca presenta fra l’altro alcune peculiarità costruttive, come gli angoli di lettura da mettere in scena con la luce. La stessa conformazione dei soffitti è diversificata. Nei controsoffitti di legno al piano inferiore abbiamo incassato delle linee luminose SLOTLIGHT, che illuminano anche gli scaffali, in quanto dotate di ottiche wallwasher. Al piano superiore, invece, abbiamo usato delle strisce LED per ottenere un effetto analogo alle modanature.

Come avete affrontato l’illuminazione di sicurezza?

Wolfram Hofer: In edifici di queste dimensioni conviene installare un’eBox. In caso di necessità, la centralina alimenta in modo fidato gli apparecchi provvisti di unità per luce di emergenza: in questo caso ONDARIA, PANOS infinity e TECTON. Per la segnaletica di sicurezza abbiamo usato CROSSIGN. In alcuni di questi apparecchi sono integrati degli spot ERI deputati all’illuminazione delle vie di fuga. Il risultato è che siamo riusciti a offrire un’ottima soluzione, pur con un numero contenuto di apparecchi.

Info progetto

Committente: comune di S. Martino in Passiria 
Architetto: Cez Calderan Zanovello Architetti, Bolzano
Partner di soluzioni illuminotecniche: Elektro Johann Hofer des Wolfram Hofer, S. Leonardo in Passiria