Mariner

Ceramica 4.0

Fotografo: Fabio Baraldi

Ci sono progetti che per portata, ammontare dell'investimento, livello di innovazione e qualità delle scelte entrano di diritto nell'elite degli interventi più virtuosi degli ultimi anni. Uno di questi è senza dubbio quello portato a termine dalla storica azienda Ceramiche Mariner, fondata nel 1984: un nuovo stabilimento produttivo a Roteglia di Castellarano, Reggio Emilia. Un intervento che ha fatto della Ceramiche Mariner una fabbrica 4.0: digitalizzata, interconnessa, all'avanguardia, con un'attenzione particolare in ogni decisione: qualità, affidabilità, prestazioni, sostenibilità e risparmio energetico. Con questi capisaldi la fabbrica non solo ha effettuato un salto in avanti per quanto riguarda l'avanguardia tecnologica, ma ha potuto creare anche 70 nuovi posti di lavoro.

Fotografo: Fabio Baraldi

Nell'ambito di questo percorso virtuoso, ogni scelta è stata dettata da elevati standard. Per questo è stata è stata scelta la consulenza e la fornitura dei prodotti Zumtobel Group,  la quale insieme al progettista ha elaborato una soluzione di grande portata, con soluzioni innovative e fortemente ispirata ai concetti di efficacia e risparmio energetico. Un investimento importante, come detto, che ha coinvolto tutte le aree del nuovo impianto di produzione: uffici, laboratori, spazi produttivi, spazi esterni. La soluzione sviluppata da Zumtobel Group ha tenuto in considerazione le numerose variabili tecniche ed ambientali, fornendo soluzioni specifiche e personalizzate per l'ottimizzazione del progetto. Un lavoro che ha avuto come filo conduttore, come sempre, la ricerca di un'illuminazione a misura di lavoro, capace di ottemperare alle necessità visive, emotive e biologiche dei lavoratori, che sia giorno o notte.

Fotografo: Fabio Baraldi

L'ambiente più ostile e complicato al quale dare un'illuminazione ottimale è stato ovviamente lo spazio produttivo. Un'area nella quale viene lavorata la ceramica, con una concentrazione di polveri e temperature elevate a causa della presenza dei forni. Zumtobel Group ha fornito uno dei suoi prodotti di punta, Craft: un riflettore industriale LED compatto e potente. La richiesta da parte della Ceramiche Mariner è stata speciale: una temperatura di colore molto fredda, 5.000 K, adattandola alle lavorazioni da effettuare in quell'ambiente. Craft ha potuto garantire questi standard: si tratta di un apparecchio resistente e di grande efficenza (143 lm/W) e soprattutto duttile, con illuminamenti che possono variare da 7.500 a 36.000 lm. 

Fotografo: Fabio Baraldi

L'altra caratteristica degli ambienti in questione sono le grandi altezze del soffitto, e quindi di installazione. Per questo gli apparecchi Craft, anche in emergenza, sono alimentati da batterie centralizzate: garantisce una gestione e una manutenzione più efficace dell'impianto illuminotecnico. La soluzione ha visto la scelta anche di altri due prodotti. Amphibia di Zumtobel, una lampada resistente agli agenti chimici, alle alte temperature, alla polvere e all’acqua, grazie alla sua composizione di vetro acrilico, completamente trasparente e brillante. Un'installazione che fa il paio con quella di Aquaforce di Thorn Lighting, versatile, di facile installazione, con un diffusore con prismi di rifrazione che garantisce la migliore qualità della luce.

Fotografo: Fabio Baraldi

Per gli uffici sono state state scelte plafoniere ad elevato comfort visivo della linea Light Field Evolution.
«Con MIREL evolution la classica plafoniera schermata torna ad evolversi. La problematica di inserire un’efficiente tecnologia LED in una forma già consolidata viene risolta da Zumtobel con un accorgimento particolare: i moduli LED sono infatti volutamente visibili. Con un linguaggio formale sobrio, lineare e universale, quest’apparecchio riserva grandi potenziali in termini di efficienza energetica e qualità della luce.» Con soli 52 mm di spessore, MIREL evolution è la plafoniera più sottile di tutto il programma Zumtobel. Ed anche in termini di efficienza energetica non ha nulla da invidiare: arriva a 140 Lumen per Watt, che in altre parole significano ammortamento in tempi brevi. La luce è distribuita per il 95 percento dalle lenti, mentre i riflessi nella camera luminosa costituiscono solo il 5 percento. Gli altri prodotti che sono andati a comporre l'illuminamento delle zone adibite a uffici sono stati LightField, Panos Evolution, Resclite e Chalice, oltre a Sconfine Sfera per reception e sale riunioni.

Fotografo: Fabio Baraldi

Per l’intero impianto grande importanza ha avuto l'installazione del sistema di gestione Litecom infinity, strumento di controllo dell'efficentamento dell'illuminazione. Un dispositivo di grande avanguardia tecnologica, che permette di avere una serie di unità di comando e interfacce, da scegliere a seconda dei locali, delle persone e delle applicazioni. Le possibilità spaziano dai classici interruttori sulla parete ai touchpanel, alle app fino ai display sul web. Il tratto distintivo è sempre l’intuitività nell'avviamento e nell'utilizzo quotidiano. Attraverso Litecom il flusso degli apparecchi installati diurna e degli scenari richiesti dal cliente.

Fotografo: Fabio Baraldi

L'importanza del progetto ha portato anche alla scelta di prodotti di altissima gamma, come nel caso dell'illuminamento delle facciate esterne, affidato a Supersystem outdoor, un apparecchio raffinato ed esclusivo composto da un insieme di tubi luminosi. Supersystem garantisce un risultato eccezionale riguardo alla schermatura dagli abbagliamenti e al comfort visivo, ed esalta le caratteristiche della facciata esterna attraverso una luce dosata e direzionata, che oltretutto previene l'inquinamento luminoso. Le geometrie dell'edificio vengono quindi esaltate dall'utilizzo di questo prodotto.

Fotografo: Fabio Baraldi

La zona di carico e scarico necessita di una luce particolarmente efficace: così sono stati installati Craft e AreaFlood Pro di Thorn, Proiettore a LED con eccellente prestazione ottica e minima dispersione di luce. L'elevata efficienza (da 117lm/W a 140lm/W) riduce il consumo energetico di oltre il 50% .

Fotografo: Fabio Baraldi

Infine le aree esterne e la strada pubblica di accesso alla fabbrica sono state illuminate con Flow, altro prodotto di Thorn. Una scelta che esalta le caratteristiche di questo prodotto pensato proprio per le città. Innanzitutto si integra con continuità nell'ambiente urbano attorno al nuovo complesso. Inoltre il comfort visivo è evidente, oltre ad avere una duttilità impressionante. Flow è in grado di adattarsi ad ogni utilizzo: basti pensare che è stato ideato per essere utilizzato nei centri storici con temperatura di 2700K, nelle zone residenziali a 3000K e nelle aree urbane e nei parchi giochi a 4000K.

Il lavoro di Zumtobel per la Ceramiche Mariner è stato profondo, studiato e accurato. Il risultato finale è sotto gli occhi di tutti e soprattutto ha centrato alla perfezione i desideri e le aspirazioni del committente, contribuendo alla realizzazione di un progetto all'avanguardia e di altissimo livello.

Info progetto

Committente: Ceramica Mariner, Roteglia di Castellarano (RE)
Progettista: Andrea Teneggi - Teneggi Building & Co. Srl, Sassuolo (MO)
Fotografo: Fabio Baraldi